Commedia dell'Arte

“Che dire? Sull’argomento si è scritto di tutto: delle sue origini popolari, con canovacci sin- tetici e improvvisazioni necessarie, alla comparsa finalmente di attrici donne vere e non più uomini travestiti, ecc... ecc. Personalmente amo pensare che la semplicità dei copioni, il rip- etersi dei ruoli, l’ironia dei destini, il ritmo incalzant...

“Che dire? Sull’argomento si è scritto di tutto: delle sue origini popolari, con canovacci sin- tetici e improvvisazioni necessarie, alla comparsa finalmente di attrici donne vere e non più uomini travestiti, ecc... ecc. Personalmente amo pensare che la semplicità dei copioni, il rip- etersi dei ruoli, l’ironia dei destini, il ritmo incalzante degli equivoci sono, allora come oggi, la rappresentazione della vita comune: una giostra dove gli attori girano e recitano mascherati, per poi presentarsi a fine spettacolo al giudizio del pubblico. Non è così anche per noi?”

Gennaio 2010 

Altro

Commedia dell'Arte 

Mostrando 1 - 6 di 6 articoli
Mostrando 1 - 6 di 6 articoli