I più venduti

Categorie

Informazioni

Nuovi prodotti

STORIE DI CARILLON

Qui potrai vedere dei bellissimi video realizzati da nostri collaboratori e amici, sui nostri carillon.

RACCONTAMI UNA STORIA

"MASTRO SABA'S MUSICAL BOX"

(Realizato da Valeria Trasatti e Nicola Corradino - 2018)

CONCERT

(Realizzato da Leonardo Polce - 2015)

Un video sperimentale sull'affascinante mondo dei carillon artigianali.

Nel nostro laboratorio tutti i dettagli
devono essere trattati con pazienza e precisione, per ottenere un risultato finale perfetto.

Come in un'orchestra, dove tutti gli strumenti devono essere perfettamente sincronizzati
per regalare al pubblico un concerto meraviglioso.

STORIA DI UN CARILLON

(Realizzato da Federica Palestini - 2016)

Un viaggio all'interno del nostro laboratorio visto in prima persona dagli occhi di un carillon.

Una storia che vede tutte le fasi principali necessarie alla realizzazione di un nostro carillon artigianale! Il tutto attraverso le telecamere di Federica Palestini.

Grazie davvero di cuore per averci fatto vedere il nostro mondo con i tuoi occhi e la tua sensibilità! Sperano di poterci rivedere presto!

GRAZIE FEDERICA

(Realizzato da Federica Palestini - 2016)

Un viaggio all'interno del nostro laboratorio.. attraverso le telecamere di Federica e Davide.

Grazie davvero di cuore per averci fatto vedere il nostro mondo con i vostri occhi!

NEL NOSTRO LABORATORIO

(realizzato da Catia Gambetta e Sabatino Polce - 2013)

Alcuni anni or sono acquistai per i miei piccoli figli un libricino con una fiaba dal titolo: “Sogni senza occhiali”.

In esso si narra di una bambina e della sua meravigliosa scoperta: quando usa gli occhiali vive nel mondo reale, quello che vedono tutti, quando non li porta ecco che le si apre un mondo di dolcezza, leggero ed evanescente, un mondo dove si può danzare come dentro un sogno che diventa realtà.

Ho fatto tesoro insieme ai miei figli di quelle fantastiche immagini e spero ora che anche voi possiate togliervi gli occhiali e danzare con la semplicità dei miei oggetti”.

Sabatino Polce